Share with your friends










Inviare
  • es
  • it

Tutto ebbe inizio in un piccolo ospedale regionale nel sud della Svizzera la vigilia di Natale di qualche anno fà…

bio-1

Amico lettore, voglio raccontarti qualcosa di me, anche se la mia storia non è così interessante come quelle che si vedono nei film. Ho avuto la fortuna di crescere in una famiglia della classe media svizzera e non mi è mai mancato nulla. La geografia e gli sforzi dei miei genitori mi hanno regalato un’infanzia felice. I miei sono ancora sposati dopo trent’anni, ho un gatto, nessun parente milionario e frequento lo stesso gruppo di amici scapestrati da ormai 20 anni. In casa mi hanno insegnato che quasi nessuno ti da niente gratis e che bisogna muoversi per poter arrivare.

Chissà che alla fine non abbia anch’io una storia interessante.

Viaggio per degustare l’essenza del mondo, impregnare le pupille di nuovi profumi e palpare sfumature strane. Viaggio per smontare pregiudizi e per far sì che lo sconosciuto non sia più così sconosciuto. Viaggio per mostrare a quelli che si barricano dietro la finestra che i buoni sono molti più dei cattivi, semplicemente non escono mai nelle notizie.

Ridendo e scherzando mi sono laureato in Lettere all’Università di Losanna (Svizzera) e ho un master in Letteratura Spagnola e Ispano-americana dell’Università di Salamanca (Spagna). Dopo un anno passato a auto-convincermi che il dottorato era il mio cammino ho deciso di mettere da parte i libri, preparare lo zaino e andare a dar forma al mio sogno.

Quando in un’altra Vigilia di Natale chiusi per l’ultima volta la porta dell’appartamento di Salamanca alle mie spalle iniziai a vagabondare per il globo…

bio-2

2013 Gennaio – Luglio:  Porto a termine l’obbligo di servizio verso il mio paese in Nicaragua in una scuola elementare di Managua. Tra una lezione e l’altra riempio gli occhi delle bellezze dell’America Centrale e della Colombia; Agosto: Nasce ufficialmente il blog Libertad Viajera (così come l’avete visto fino a giugno 2015); Settembre: Innauguro la mia prima mostra fotografica; “Latinoamericana 2013”; Ottobre – Dicembre: Il cuore mi porta negli Stati Uniti dove vivo il sud più profondo, torno in California e faccio un paio di corsi d’insegnamento e di scrittura di viaggio.

2014 Gennaio – Maggio: Do lezione di Spagnolo e Italiano in un liceo di Eger (Ungheria). In cinque mesi non perdo l’occasione per conoscere un po’ il Paese che mi oscita e farmi scivolare sulla pelle la realtà dell’Europa dell’est in Ucraina, Moldavia e Trasnistria; Giugno: In compagnia di Rosana, connetto via terra Turchia e Svizzera, le porte dell’Asia con il cuore dell’Europa.

2015 Gennaio – Aprile: Riprende il cammino. Tra autostop, bus e la mitica ferrovia Transmongolica percorro 20’000 km tra la Germania e il Vietnam. Prima di far ritorno in Svizzera faccio una deviazione in Mississippi.

E intanto vado avanti a creare il mio futuro, un passo dopo l’altro.