Share with your friends










Inviare
  • es
  • it

Ucraina

08/05/14 Fotopost , Ucraina # ,

Chernobyl e Pripyat. 30 immagini per raccontare un silenzio

Chernobyl e Pripyat. 30 immagini per raccontare un silenzio

Scrivere è un passatempo che mi ha contagiato da poco. Fare foto, invece, è una passione che coltivo da qualche anno ormai. Meno di due settimane fa ho avuto la fortuna di partecipare a un tour guidado alla centrale nucleare di Chernobyl e, soprattutto, alla città fantasma di Pripyat. Continua a leggere

Share with your friends










Inviare
0 likes no responses
30/04/14 Ucraina # , , , , ,

Maidan: il cuore della rivoluzione

Maidan: il cuore della rivoluzione

Siamo a due passi da Maidan e ci aspetta una lunga e intensa camminata. Il sole se n’è appena andato, ma sulla piazza è già caduta la notte. Lo so, l’ho già detto più volte, ma me l’aspettavo vuota. E invece non lo è. Sembra piuttosto un accampamento militare: un’infinità di tende, filo spinato e barricate. Bandiere gialloblu e rossonere da tutte le parti. Continua a leggere

Share with your friends










Inviare
0 likes no responses
30/04/14 Fotopost , Ucraina # , , , ,

Maidan 2014. Le rovine di una rivoluzione in 30 foto

Maidan 2014. Le rovine di una rivoluzione in 30 foto

Nel post precedente ho cercato di descrivere le sensazioni che ho vissuto a Maidan quando l’ho visitata durante il mio soggiorno a Kiev. In quel caso c’ho provato a parole, e spero essere riuscito a trasmettervi almeno una parte delle emozioni che ho provato io camminando tra le tende militari, le barricate e le foto dei Heaven’s Hundred, gli eroi che sono morti tra gennaio e febbraio di quest’anno. Nel post precedento ho cercato di trasmettervi le emozioni che la postrivoluzione ucraina mi ha lasciato.

Continua a leggere

Share with your friends










Inviare
0 likes no responses
18/04/14 Ucraina # , , ,

Kiev: prime impressioni

Kiev: prime impressioni

#UkraineNeverAlone: l’hashtag che vi farà viaggiare con me in Ucraina

Non so bene perché, ma me l’immaginavo vuota. Gli ultimi colpi sono stati sparati in febbraio, il presidente è fuggito e il popolo ha vinto la sua rivoluzione. Almeno per il momento. Io, ingenuamente, me l’immaginavo vuota, sottosopra, a pezzi, bruciata, ma vuota.

Continua a leggere

Share with your friends










Inviare
0 likes no responses